premio scenario > edizioni precedenti > edizione 2015 > finalisti >Mad in Europe    
 
2015 15a edizione
 

>> MAB ensemble
---Biancarosarossa

>> Ditta Alesse Argira
---Kitchen Stories #1: Tutto l'Amore è Clandestino


>> La Ballata dei Lenna
---Il paradiso degli idioti

>> Cerbero Teatro
---2001: odissea sulla terra

>> DispensaBarzotti
---Homologia

>> Arte Combustibile
---Scusate se non siamo morti in mare

>> Massimiliano Aceti
---Il piccolo guitto

>> Mario De Masi
---Pisci 'e paranza

>> Muré Teatro
---Courage!

>> Mad in Europe
---Mad in Europe

>> Caroline Baglioni
---Gianni

>> Industria Indipendente
---Ho tanti affanni in petto


© Gloria Soverini

>> tournée

>>rassegna stampa

>> photo gallery di © Gloria Soverini

 

Mad in Europe (Varese)
Mad in Europe
Uno spettacolo in lingua originale

testo Angela Dematté
collaborazione drammaturgica Rosanna Dematté
scene e costumi Ilaria Ariemme
disegno luci e audio Marco Grisa
interprete Angela Dematté
regia del gruppo Mad in Europe

 

ANGELA DEMATTÉ
via Lanfranconi, 6 - 21100 Varese
cell. 349 4967434
angeladematt@yahoo.it

 

 

 

spettacolo vincitore Premio Scenario 2015

Motivazione della Giuria
Angela Demattè dimostra maturità di scrittura scenica sostenuta dall’invenzione di un personaggio alla deriva e dalla ricerca di una lingua capace di raccontarlo. La frammentazione dell’interiorità di una donna si fa metafora della crisi dell’utopia europea: la scissione fra maternità, religione e ruolo sociale si rifrange nel mescolamento delle lingue dando vita all’ossimoro di una koiné babelica.

Lo spettacolo

Il progetto parte da innumerevoli suggestioni. Vi è una riflessione sulla “parola” e sul “linguaggio” e cosa esso comporta nelle nostre vite. Vi è una seconda riflessione, che parte da una serie di incontri indetti dalla Commissione europea a cui abbiamo partecipato e che sono nati nel tentativo di scrivere The mind and body of Europe: a new narrative. Vi è una terza suggestione, che parte da una prozia rimasta in manicomio per 80 anni della sua vita. Vi è una quarta, inaspettata, suggestione, che è una gravidanza a sorpresa. Ciò che scaturisce (ed è il nostro progetto) è una donna incinta impazzita. Al Parlamento europeo. Ella sapeva parlare molte lingue... ma ora riesce a formulare solo un “dialetto” internazionale, strano e informe. Soprattutto non ricorda assolutamente più la sua lingua madre, la sua “Muttersprache”. L'ha rifiutata e ora non la ricorda più. Di chi è la colpa? Dovrà andare molto indietro per cercare di uscire dalla nevrosi in cui è caduta. Rientrare in un'eredità scomoda: materna, religiosa, demodé, di cui pensava di essersi liberata. Resta da capire se troverà ancora qualcosa (se lo vorrà) o se è tutto smarrito per sempre.

La compagnia

La compagnia Mad in Europe non esiste prima di questo progetto. Esistono persone che lavorano insieme in numerosi progetti teatrali ma soprattutto sentono di avere un pensiero e una ricerca comune sulla realtà e sull'uomo. A questo punto accettano la proposta di Angela Dematté che ha un'idea matta in testa (a mad idea): lavorare sul linguaggio per lavorare sulle radici e sulla vergogna, per lavorare sull'estetica contemporanea, per lavorare su cosa intendiamo oggi per “libertà”. È una definizione che acquista ogni giorno nuove sfumature. Ciò che sembra evidente, però, è che Mad in Europe è un efficace campo da gioco per scoperte profonde e nuove della sostanza di cui siamo fatti oggi. I “Mad” che accettano questo esperimento sono: Ilaria Ariemme (costumista e scenografa per prosa, lirica e altro), Marco Grisa (light designer e tecnico), Rosanna Dematté (plurilingue curatrice di mostre d'arte in Austria, tra cui la recente Il colmo della vita a Innsbruck) e Angela Dematté (attrice e drammaturga, Premio Riccione 2009). Siamo tutti cittadini europei.


 
chi siamo | storia | premio scenario | premio scenario infanzia | premio ustica per il teatro | tournees | scenario news | contatti  
  credits