domenica 4 settembre, ore 21:00 | Giardino del Cavaticcio

Anastasia Genoveffa e Cenerentola

Favola per bambini e adulti

| età: dai 5 anni e tout public

Emma Dante |
foto di Carmine Maringola

Ingresso gratuito con prenotazione tramite circuito Vivaticket.

Prenotazioni a partire dal 20 agosto su vivaticket.com

e punti vendita Vivaticket (si segnala Bologna Welcome in P.zza Maggiore 1)

In caso di posti ancora disponibili: ingresso previo ritiro di coupon in loco, a partire da un’ora prima dell’evento.

PRENOTA

 

testo e regia Emma Dante
scene e costumi Emma Dante
con Martina Caracappa, Italia Carroccio, Davide Celona, Federica Greco
luci Gabriele Gugliara
produzione Compagnia Sud Costa Occidentale

Regista vincitrice del Premio Scenario 2001.

in collaborazione con Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale – Focus Emma Dante, Arena del Sole 22/23

Una favola per bambini e per adulti dove Cenerentola fa da sguattera alla matrigna e alle due sorellastre Anastasia e Genoveffa, che passano le giornate fra malignità e pettegolezzi. Dentro le mura di casa le tre streghe sono sciatte e trasandate, e usano un dialetto colorito. Quando frequentano l’alta società i loro modi diventano raffinati, la matrigna si riempie la bocca di francesismi e le due orribili sorelle rispettano le regole del galateo. La stessa cosa fa il principe, il suo disagio lo esprime in dialetto, la lingua privata con cui dire in tutta franchezza, ma anche la lingua della vergogna, quella che non si può parlare in pubblico. Cenerentola invece non ha niente da nascondere: la sua disperazione è alla luce del giorno e la sua indole è nobile sia all’interno che all’esterno della casa.
Tutto è giocato tra il dentro e il fuori: dietro e davanti a un paravento. Ciò che non si vede è magico, ciò che è alla portata degli occhi è reale. La bacchetta magica della fata non è potente quando trasforma la zucca in una carrozza bensì quando ristabilisce la giustizia e aiuta l’amore a germogliare.
La favola ha due morali.
La prima è: bisogna essere la stessa persona sia dentro che fuori dalle mura di casa, senza vergogna delle proprie radici e della propria identità.
La seconda è: i cattivi non devono diventare eroi né tanto meno possono rimanere impuniti.

EMMA DANTE

Emma Dante, drammaturga e regista, fonda a Palermo nel 1999 la compagnia Sud Costa Occidentale con la quale vince il premio Scenario 2001 e il premio Ubu 2002 come novità italiana per mPalermu.
Tra i suoi lavori teatrali: Carnezzeria; MedeaCani di bancata; Le sorelle Macaluso; Bestie di scena; La scortecata; Misericordia; Pupo di zucchero; Scarpette rotte.
All’attività teatrale ha affiancato quella di regista di opere liriche e di scrittrice, pubblicando, tra gli altri, via Castellana Bandiera dal quale ha tratto il soggetto per il film omonimo, suo esordio nella regia cinematografica.