Premio Scenario infanzia 2008- 2a edizione

Il Premio si rivolge a giovani di età inferiore ai 35 anni, non appartenenti a strutture socie di Scenario né a formazioni riconosciute o sovvenzionate. Vengono selezionati progetti originali e inediti destinati alla scena, privilegiando sperimentazione e originalità di temi e linguaggi, in sintonia col referente bambino o ragazzo.

Scadenza bando: 15 Aprile 2008 [Bando scaduto ]

Modalità di partecipazione

Per partecipare al Premio:
– compilare in forma digitale le tre schede/questionario;
– versare la quota di iscrizione di € 30 secondo le modalità indicate nel bando: attenzione codice iban esatto IT22S0103003004000000365372
– stampare le tre schede dopo la compilazione on line. La prima (scheda di iscrizione) va firmata in calce dal referente;
– consegnare o inviare per posta entro e non oltre il 15 aprile 2008 le tre schede stampate, unitamente alla ricevuta del pagamento e unitamente a eventuali materiali relativi al progetto.

Tappe di selezione

I partecipanti, vagliati dalle Commissioni zonali nella fase istruttoria, espongono frammenti o parti del loro progetto, in un tempo massimo di 20 minuti, nella tappa di selezione unica che si svolge in forma pubblica a Cascina (La Città del Teatro, 22/24 settembre 2008). Un Osservatorio critico seleziona i progetti destinati alla finale.

Scarica il programma

Finale

I progetti finalisti partecipano alle finale del Premio che si svolge a Parma (Zona Franca festival, 5/6 novembre 2008). Una Giuria assegna 1 premio al miglior progetto (8000 euro) come incentivo alla produzione dello spettacolo compiuto.

photo gallery di © Marco Caselli Nirmal
>> finalisti della mattina
>> finalisti del pomeriggio

Scarica il programma

Scenari contemporanei
Inaugurando il Premio SCENARIOinfanzia, due anni fa, spiegavamo la nostra intenzione di inserirci con un’azione concreta nella riflessione che da diverso tempo attraversa il Teatro Ragazzi, impegnato a confrontarsi con questioni centrali quali il ricambio generazionale, il pericolo dell’aziendalismo, i condizionamenti e le contraddizioni del mercato. Oggi il premio, giunto alla sua seconda edizione, ci pare rappresenti già una realtà significativa nell’esperienza artistica delle giovani generazioni, nell’attenzione degli operatori, nell’accoglienza del mondo teatrale e scolastico. I progetti premiati e menzionati nel 2006 hanno rivelato nuove linee di ricerca e originali modi di incontrare i nuovi spettatori, mostrando motivazioni forti e padronanza degli strumenti teatrali e culturali. Gli spettacoli nati da quei progetti hanno realizzato intense tournée, inserendosi a pieno titolo nel panorama teatrale e rappresentando un importante traguardo sul piano delle nuove professionalità che il premio si propone di incentivare.
La seconda edizione del premio conferma e rafforza a nostro parere questo percorso. Hanno concorso quest’anno 85 progetti, dei quali 38 provenienti dal nord, 30 dal centro, 7 dalle isole e 10 dal sud. Alla Tappa di Selezione che si è svolta a Cascina fra il 22 e il 24 settembre sono stati presentati pubblicamente 21 progetti, 8 dei quali ammessi a questa finale, dove incontreranno – come in tutte le fasi del premio – i giovani spettatori delle diverse fasce d’età che vanno dai 6 ai 16 anni.
Linguaggi diversi e contaminati, sguardi alla storia (in particolare alle sue ferite ancora aperte) e agli scenari contemporanei, fra interculturalità e tematiche generazionali, con aperture alla fiaba e alle suggestioni del fumetto e della clownerie, insieme a un riscoperto utilizzo degli oggetti e delle figure, nelle loro infinite risorse: questi i nuovi effervescenti segni di un teatro che sta ancora una volta ri-nascendo nell’incontro fra giovani artisti e giovanissimi spettatori.

Stefano Cipiciani
Presidente dell’Associazione Scenario

Cristina Valenti
Direttore artistico dell’Associazione Scenario

 

Indagare le zone d’ombra
Ospitiamo ancora con grande piacere la seconda finale di Scenarioinfanzia convinti di avere trovato in questa grande scommessa nutrimento per una zona franca di esplorazioni e scoperte.
Amiamo cercare, scrutare, far emergere dalla terra umida i frutti più preziosi, stimoliamo le complicità più impensate tra artisti che indagano, più o meno consapevolmente, l’infanzia.
Zona Franca è il luogo di tutte queste sperimentazioni al centro delle quali lo sguardo dei giovani artisti indagatori è spesso il più interessante perché spiazza, scombina, interroga l’infanzia di oggi con occhi nuovi.
Zona Franca quest’anno indaga le zone d’ombra: doppi e fantasmi, ospiti inquieti che si annidano tra le pieghe dei nostri pensieri e delle nostre azioni.
Gli artisti amano scrutare in quella zona dove l’ombra prevede sempre una luce, un chiarore, un fuoco. Scenario è per noi uno di questi fuochi: fuoco che scalda, illumina, fuoco/ombra che ci aiuta ad indagare la vita per trasformarla in arte.
Complice di questo nuovo capitolo di Scenarioinfanzia un pubblico curioso: giovani, adulti, bambini, vicini nel rito misterioso di un teatro che comincia.

Il Festival Zona Franca

ZONA FRANCA - FESTIVAL DI CREAZIONI ARTISTICHE PER UN PUBBLICO GIOVANE, Parma, 5-6 novembre 2008

Gyula Molnàr
regista, presidente della Giuria

Brigitte Chaffaut
Responsabile dell’ONDA di Parigi per il Teatro Ragazzi

Stefano Cipiciani
direttore artistico di Fontemaggiore Teatro, presidente dell’Associazione Scenario

Marco Dallari
pedagogista, Università di Trento

Cristina Valenti
docente Dams, Università di Bologna, direttore artistico dell’Associazione Scenario

OSSERVATORIO DI STUDENTI
a cura di Cira Santoro

I lavori della finale sono stati seguiti da un gruppo di studenti dell’Istituto d’Arte “Toschi” di Parma (classe III B – discipline dello spettacolo, prof. Maurizio Bercini) e dell’Istituto Statale d’Arte di Cascina (rappresentanza della classe V B – sezione scenico, prof.ssa Paola Coli). I giudizi espressi dall’osservatorio studentesco sono stati comunicati nel corso della Premiazione.

Vincitori

La Giuria finale del Premio proclama un progetto vincitore il cui debutto, in forma di spettacolo compiuto, è all’interno della Prima Tappa di Selezione del Premio Scenario 2009.

Debutto
PARMA
17 MARZO 2009
Teatro al Parco Parco Ducale 1 – 43100 Parma
ore 21 Sala media

>>tournée

Motivazioni della giuria

La Giuria del Premio SCENARIOinfanzia 2008,

presieduta da
Gyula Molnàr (regista)
e composta da
Brigitte Chaffaut (responsabile dell’ONDA di Parigi per il Teatro Ragazzi)
Stefano Cipiciani (direttore artistico di Fontemaggiore, presidente dell’Associazione Scenario)
Marco Dallari (pedagogista, Università di Trento)
Cristina Valenti (docente Dams, Università di Bologna, direttore artistico dell’Associazione Scenario)

nell’esporre i risultati del proprio lavoro, desidera esprimere preliminarmente una valutazione complessiva delle proposte presenti nella Finale.

Gli otto progetti finalisti hanno presentato nel loro insieme linee di ricerca innovative e coerenti, unite a un’eccellente capacità di comunicare in modo efficace e diretto con il pubblico degli adolescenti e dei preadolescenti, attraverso contenuti forti e consapevoli, con indubbia padronanza degli strumenti teatrali e culturali.
I momenti di incontro con la giuria hanno confermato e approfondito la serietà di percorsi espressivi e linguistici motivati e aperti al confronto e al dialogo, dentro e fuori le compagini artistiche.
Per ognuno degli otto progetti sarebbero da segnalare, in modo diverso, i tratti di un teatro che rivela incoraggianti segni di riscoperta di sé nell’incontro con i giovani e i giovanissimi spettatori: la capacità di trattare le dimensioni affettive e sentimentali, l’apertura alle tematiche generazionali e interculturali, la memoria di momenti ancora scottanti della storia contemporanea, la ricchezza del gioco teatrale e delle invenzioni scenografiche, l’attitudine all’essenzialità e alla meraviglia, il riscoperto utilizzo degli oggetti e delle figure nelle loro molteplici applicazioni e risorse, le suggestioni della fiaba e della clownerie, dei cartoon e del fumetto. I giovani artisti hanno inoltre dimostrato di saper trattare in modo sempre diretto i temi più impegnativi, senza cadere nella retorica o in atteggiamenti moralistici e didascalici.

Per queste ragioni la giuria è giunta alla decisione di non menzionare per meriti particolari nessun progetto, segnalando il valore di tutti senza escluderne alcuno.
La giuria rinuncia perciò alla facoltà di esprimere menzioni speciali e proclama all’unanimità il progetto vincitore della seconda edizione del Premio SCENARIOinfanzia.

 

UN PAESE DI STELLE E SORRISI della COMPAGNIA MOSIKA (San Lazzaro di Savena -Bologna)

Una storia di immigrazione che parla di un legame d’affetto spezzato e vissuto da una madre e da una figlia lontane, fra paesi, lingue, suoni e suggestioni diversamente colorati e distanti.
Un paese di stelle e sorrisi costruisce sulla scena uno spazio essenziale che, attraverso elementi semplici e immagini fortemente evocative, racconta piccoli episodi di una vicenda privata che si rivela universale, toccando l’archetipo dell’allontanamento e della separazione. Affidata a un gioco scenico ricco di invenzioni dal contenuto intensamente metaforico e dal forte impatto emotivo, la drammaturgia diventa veicolo di scenari attraversati da guerre e distruzioni, conservando la luminosità di una storia affettiva che si fa paradigma antiretorico della contemporaneità.