Bologna - Scenario Festival 2019 , 3-5 luglio 2019

mercoledì 3 luglio, ore 15:00 | DAMSLab / Teatro

Bob Rapsodhy

Carolina Cametti | Milano
foto di Laila Pozzo

attrice, autrice, regista Carolina Cametti

light design Giacomo Marettelli Priorelli

sound design Gianfranco Turco

elettricista Riccardo Santalucia

CAROLINA CAMETTI

via Pacini, 59 – 20131 Milano

cell. 339 6600271

tisichino2@yahoo.it

Bob RAPSODHY è uno stream of consciousness. Un vulcano in eruzione. Una cascata di emozioni, sogni, riflessioni.

Ironico e tagliente.

La bestia che grida io al centro del mondo.

Una dichiarazione d’amore, di solitudine, di speranza.

I social che hanno invaso il nostro modus vivendi et amandi.

La società come sta influenzando le nuove generazioni? Cosa stiamo lasciando? Cosa stiamo costruendo? Cosa ci rimarrà tra le mani?

Esistono ancora i sogni nel cassetto in questa vita fatta di corse e sacrifici?

Non troverete risposte, ma un grido sotto le transenne. Una manifestazione di sentimenti. Coriandoli di vite.

In scena c’è una sedia cui ruota intorno, sopra e sotto la performance di un’attrice. Le luci e il suono si fondono alla performance, ne diventano i compagni di viaggio.

Un viaggio fatto tutto in un fiato.

Carolina Cametti nasce a Velletri il 4 giugno del 1985. Studia a Roma dove si laurea nel Dams (laurea quinquennale). In parallelo si diploma al Piccolo teatro di Milano nel 2011. Nel medesimo anno vince la menzione al premio Hystrio per la vocazione con Psychosis 4’48’ di Sarah Kane. Viene notata da Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani e viene presa al Teatro Elfo Puccini per fare Racconto d’inverno e Sogno di una notte di mezza estate. Dal 2011 ha collaborato ogni anno fino a oggi con il teatro dell’Elfo in altre produzioni quali: La discesa di Orfeo, la lettura diretta da Cristina Crippa Venivamo tutte per mare, Miele diretto da Elena Russo Arman, Il giardino dei ciliegi, Mister Pùntila e il suo servo Matti, Otello, Libri da ardere.

Conosce l’uomo della sua vita nel medesimo teatro, ma questa è un’altra triste storia.

Nel 2015 con la regia di Serena Sinigaglia al Teatro Stabile di Torino recita nella serie teatrale in sei spettacoli/puntate, 6Bianca.

Lavora con Roberto Rustioni e partecipa a diversi festival tra cui Andria e Radicondoli, poi al Franco Parenti con Villa Dolorosa, una riscrittura delle Tre sorelle di Anton Čechov.

Collabora con alcune compagnie off milanesi e romane di prosa e teatro danza.

Scrive, dirige e recita diversi testi con cui partecipa a diversi concorsi, quali Scenario e Asti Scintille, ultimo Diario di bordo al premio Hystrio scrittura di scena e arriva nei dieci finalisti.

Ama l’atletica leggera, si allena tutti i giorni per diventare veloce come un fulmine.