Premio Scenario2013- 14a edizione | Progetto finalista

Santarcangelo •13 Festival Internazionale del Teatro in Piazza, 16/17/18 luglio 2013

martedì 16 luglio , ore 12:00 | Teatro Petrella

Cinque agosto

Serena Di Gregorio | Montesilvano - Pescara
foto di Tomaso Mario Bolis

con Serena Di Gregorio
testo e regia Serena Di Gregorio
mixer luci e musica Andrea di Bella
foto Alessandro Boni

Serena Di Gregorio
via Valle d’Aosta, 20 – 65015 Montesilvano (PE)
cell 393 9837269
serena.di.gregorio@virgilio.it

Lo spettacolo

Con questo spettacolo ho voluto toccare due temi a me molto cari, la Memoria legata alla Vecchiaia.

Sono sempre stata affascinata nella mia vita dalle persone anziane, le ho sempre osservate nei loro gesti quotidiani, nelle loro movenze oramai impacciate e soprattutto ho ascoltato i loro racconti, la cosa che più mi colpisce è come vivono la condizione dell’essere “vecchi ”.

Ho notato che trascorrono il loro tempo a ricordare il passato, non perdono occasione per parlarne con chiunque gli capiti a tiro, tornare indietro con la mente li rende vivi, il loro passato diventa il loro presente e il loro futuro.

Per gli anziani, il futuro è come se non esistesse, forse perché sanno che ogni giorno in più li avvicina alla morte e perciò proiettano davanti a sé il passato. Amano ricordare quei momenti di vita che li hanno resi felici, oppure no, ma sicuramente li hanno fatti Vivere con la “V” maiuscola e continuano a farlo.

Per sviluppare questo progetto ho iniziato all’incirca un anno fa a raccogliere testimonianze di persone anziane, ho chiesto di raccontarmi della loro vita e ho filmato tutto con la telecamera, ho raccolto ore di testimonianze. Quando mi sembrava di avere abbastanza materiale ho cercato di capire come sviluppare il lavoro. Ho pensato che avrei dovuto scrivere una storia inventata da me (per cercare di parlare della Memoria in modo non didascalico), che però contenesse i racconti, i personaggi che mi sono stati tramandati.

Anche dei “piccoli” racconti che apparentemente non hanno rivoluzionato la storia hanno il diritto di essere ascoltati, perché possono inaspettatamente regalarci grandi emozioni o insegnarci piccole o grandi cose e ne vale sempre la pena ascoltare. Cosi è nato il progetto per lo spettacolo Cinque agosto. Ho scelto questo titolo perché tutto è ambientato il giorno della festa della Madonna della Neve, che si svolge per l’appunto il cinque agosto, ma i racconti che si susseguono hanno uno sbalzo temporale anche se seguono un filo cronologico e vedremo la protagonista passare da un’età all’altra per farci vivere il suo passato. Ricordare è fondamentale nella vita.

La compagnia

Serena Di Gregorio nasce nell’agosto del 1978 in un paesino dell’Abruzzo.

Dopo il liceo nel 1998 si trasferisce a Milano per frequentare la Scuola Internazionale di Teatro diretta dal Maestro Kuniaki Ida, nel 2001 studia per un anno Teatro Danza presso la Scuola Paolo Grassi e conclude i suoi studi a Udine presso la Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe.

Per la sua formazione artistica sono stati fondamentali gli incontri con: Andrea Collavino, Giuseppe Battiston, Massimiliano Speziani, Massimiliano Cividati e Emma Dante. Come attrice lavora nel 2005 con Andrea Collavino nello spettacolo Il Sogno di una cosa di Pier Paolo Pasolini (prodotto dal CSS Teatro Stabile di innovazione del FVG), nel 2008/2010 nello spettacolo diretto da Massimiliano Cividati The Soft Transition between warm and cold (produzione compagnia Aia Taumastica), con Massimiliano Speziani nello spettacolo Mitigare il buio. Dal 2009 è in tournée con lo spettacolo Midia. L’uomo medio attraverso i media dove è attrice e ha collaborato anche alla regia.